logo grande web4human blog

in Social | -November-17 | | 0

Social network: i gruppi e le nuove meccaniche di interazione sociale

Se non hai mai approcciato un social network come Facebook non puoi avere neanche lontanamente idea di cosa ti aspetta al di là del monitor e la lettura di questo post potrebbe aiutarti a comprendere meglio alcune situazioni davanti alle quali ti andrai a trovare.
Se invece sei già esperto navigatore dei social, questa lettura potrebbe darti nuovi spunti di pensiero e magari qualche consiglio.

Innanzi tutto bisogna considerare che i social network sono agglomerati di persone di ogni razza, cultura e pensiero che all’ improvviso si incontrano
in uno spazio virtuale senza barriere e senza freni, provocando di fatto un potentissimo scontro di idee e ideologie. Bisogna ricordare che alcuni di questi ‘scontri’  ideologici nel corso della storia hanno messo interi popoli gli uni contro gli altri, decretando in alcuni caso l’insorgere di conflitti con ripercussioni violentissime.
Ogni utente, non porta semplicemente la propria idea nuda e cruda, ma la porta condita di tutto il proprio sentimento e foga.

Gruppi social, prima si formano e poi si scontrano.

Così com’è chiaro che questi scontri favoriscano forti divisioni tra gli utenti, è altrettanto vero che il meccanismo permette l’aggregarsi in gruppi di persone che condividono una o più idee

guerra di idee tra i gruppi nei social network

All’interno di tali gruppi avviene una crescita e rafforzamento dell’idea, infatti tutti gli appartenenti al gruppo, continueranno a parlare tra loro, escludendo informazioni contenenti idee opposte eliminando completamente il confronto con l’altro lato. Si ottiene così un rafforzamento dell’idea stessa che sta alla base del gruppo ( i devoti, diventano sempre più devoti ).

Un altro meccanismo tipicamente sociale scatta all’interni dei gruppi: Il conformismo. Se un utente appartiene a un gruppo all’interno del quale viene condivisa in maggioranza anche un altra idea o ideologia secondaria, l’utente si conformerà anche a quest’ultima. Questo processo è stato studiato nel famoso esperimento di Asch del 1956. Ti consiglio di approfondirlo almeno in questo breve link wikipedia: 

https://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_di_Asch

 Vedrai che conoscendo il meccanismo, riuscirai a riconoscerlo facilmente in situazioni social – quotidiane.

Il meccanismo del conformismo non va sottovalutato. Nel mondo ‘reale’, diversi comportamenti storici di primo rilievo vengono ricondotti al conformismo, dalla diffusione a blocchi delle varie religioni, fino al nazismo. Un individuo si conforma con il proprio gruppo o società di appartenenza, cambiando la propria percezione della realtà e lo slittamento della propria linea giusto/sbagliato.
La ‘coscienza colletiva’, la morale di gruppo è più forte di quella personale e la sovrascrive completamente.
Ovviamente questo non vale per tutti ma per un buona fetta delle persone, si.

Idee estreme nei gruppi sociali

Estremismo dell’idea

Se prendessimo un idea e la trasformassimo in una nave per poi metterci su i gruppi pro e contro, scopriremmo che tutti si disporrebbero a prua o a poppa, lasciando completamente vuoto lo spazio di mezzo.

Questa è una buona rappresentazione della situazione di estremismo che viene generata dal processo di auto rafforzamento delle idee che come abbiamo detto prima, spingono i gruppi sempre più verso i poli opposti allontanandosi, distruggendo ogni possibile punto di incontro o dialogo. Non c’è niente di cui dialogare perché  se il mio gruppo dice il vero, l’ altro gruppo è composto o di persone stupide che pensano di essere più intelligenti o di ‘cospiratori’ pagati per mentire o che traggono qualche sorta di beneficio. Il dialogo si trasforma in rapide incursione di utenti tra un gruppo e l’altro che finiscono quasi sempre nel degenerare in lunghi post di flame derisioni e insulti e hanno come unico risultato un ulteriore rinforzo interno e nuova estremizzazione.

Difatti, se due utenti appartenenti a gruppi opposti affrontano una conversazione sull’argomento che li divide, ognuno dei due  cercherà di convincere l’altro cercando di fargli capire che le sue argomentazioni sono insulse e alla fine della discussione i due utenti saranno ancora più convinti della propria idea.

 

Le teorie della follia

Si è parlato dei gruppi aderenti a idee/teorie vaghe, senza scendere fin’ora nel dettaglio di quelli che potrebbero essere i veri argomenti ai quali possono essere applicate queste meccaniche. 
Gli argomenti che tendono a infiammare gli animi in maniera accesa sono tanti e tra loro possiamo trovare senza stupirci: la politica, l’economia, il razzismo/perbenismo, le interpretazioni personali di fatti di cronaca, lo sport, e molti altri

folli teorie sui facebook

Tutte questioni isomma sulle quali siamo abituati a vedere duelli senza esclusione di colpi anche in altri ambiti non virtuali. Poi possiamo trovare quelle che mi piace definire come teorie della follia tra le quali :

Teorie massoniche varie.

Teorie delle scie chimiche
- centinaia di gruppi convinti che tutti gli aerei sul pianeta stiano irrorando chissà quale sostanza chimica con uno scopo che varia a seconda della credenza del gruppo, può andare dal controllo meteorologico, all’ uso di armi in grado di generare terremoti, fino ai piani di conquista della razza aliena di passaggio.

Teorie Aliene
decine o centinaia di teorie diverse, con un corpus mitologico degno del Simmarillion. Rapimenti alieni, ibridazioni umano aliene, controllo della società etccc… insomma niente di nuovo per chi ha visto X-files

Teorie della terra piatta 
 si si, ho scritto terra piatta, nell’anno 2017, in occidente, nel paese che ha prodotto scienza e cultura sufficiente per tutta l’umanità, esistono migliaia di discepoli della teoria della terra piatta,  e questi meritano un approfondimento tutto per loro visto che subentrano altri tipi di meccanismi, molto interessanti da andare a spulciare 

In generale queste teorie hanno una cosa in comune tra loro: sono tutte…. Teorie del complotto. C’è qualcuno che ci tiene schiavi (massoni, illuminati, forze politico-economiche globali o alieni delle più svariate razze) dandoci informazioni false o modificando il nostro pianeta, per un fine maligno (potere, assoggettamento della razza umana, esperimenti bellici globali, altre fantasiose motivazioni ).

All’interno di alcuni di questi gruppi, si verifica nuovamente il procedimento di conformismo, se in un gruppo di credenti alle scie chimiche, vi sono persone credenti a un altro tipo di cospirazione, una buona fetta di utenti si conformerà anche a questa seconda credenza.

Il medico della domenica

L’esperto della domenica

Normalmente quando vai dal medico ti trovi in sala d’attesa con altri pazienti, che necessitano come te del parere del medico; medico che ha studiato tanti e tanti anni per acquisire le competenze che gli permettono di consigliarti e prescriverti una cura. Sarebbe assurdo pensare una volta arrivati in sala d’attesa di prendere per buono il parere e le indicazioni sul da farsi di un altro paziente in coda , e di andarsene senza aver sentito il dottore.
Ma quello che è assurdo nella vita reale, non lo è nei social.

A parte il fatto che se hai un malessere di qualunque natura è meglio non consultare internet, in quanto ne usciresti con la convinzione che stati per morire, esistono numerose persone e gruppi che condividono teorie mediche strampalate che non solo potrebbero cercare di convincerti a sottoporti ai loro metodi, ma potrebbero addirittura cercare di convincerti a non sottoporti alle cure indicate dalla medicina vera. Lavori di social engineering che fanno leva su paure e disperazione delle persone, abbinati ai vari meccanismi sociali, fanno si che alcuni caschino in questa rete pericolosissima dove alla fine a dispensare consigli non è più una persona istruita e preparata, ma un utente qualunque con nessuna conoscenza reale che vi farà sostituire le cure che ti avrebbero potuto aiutare, con rimedi medioevali a base di nulla.

Il medico della domenica potrebbe essere un malintenzionato con interessi nel fatto che tu gli creda, potrebbe semplicemente essere convinto di quello che ti sta dicendo, potrebbe essere un pazzo. Sicuramente è un pericolo per le persone che gli danno retta.

Se ricevi un consiglio, controlla sempre bene chi te lo sta dando e nel valutarlo non dar mai peso al numero di persone che lo approvano o supportano, ricordati il conformismo e creati un idea tua personale sulla base dei fatti, delle lauree e al massimo della reputazione nel mondo scientifico e non sui social.

L’articolo va per le lunghe, quindi tagliamo con qualche consiglio per poi scrivere qualche approfondimento:

  • Pensa con la tua testa
  • Se qualcuno ha idee pazzesche che riteni assurde, evita di scontrarti
  • Non accettare consigli dagli sconosciuti
  • Se la scienza dice una cosa e non riesci a comprenderla, non è la scienza che è sbagliata
  • Non pubblicare la foto di una costata fiorentina da 5 cm al sangue sulla pagina di un nazi-vegano
  • Se parla un vero esperto di qualunque settore, ascoltalo, cerca di capirlo, ponigli domande, ma evita di dargli del pirla
  • Pensa sempre alla salute ( non vale la pena a volte farsi il fegato amaro )

Data pubblicazione: 26-November-17 / Ultima modifica: 26-February-18

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!
Commenti

Accedi o registrati per lasciare un commento.

Link Sponsorizzato